slider
slider
 Home  /  Il Lago  /  Ambiente  /  La montagna

Le montagne del Lago di Garda

Monte BaldoTantissimi poeti e scrittori nella storia sono stati incantati dalla suggestione del paesaggio del Garda: le sponde ammantate di verde, le acque cristalline che si insinuano fra le montagne a picco circostanti...

Una di queste è la catena del Baldo, posta all'estremità occidentale delle Prealpi Venete, che si presenta come un massiccio isolato, a forma di rettangolo, che si allunga dal Veronese al Trentino per quasi 40 km, costeggiando il lago di Garda. La sua altezza va dai 65 m. a livello del Lago di Garda ai 2218 m. di Cima Valdritta.
La catena occidentale va dal Monte Creta (1023 m.) alle Creste di Naole (1660 m.), al crinale di Costabella (2062 m.), alla Punta Telegrafo (2199 m.), alla Cima Valdritta (2218 m.), alla Cima delle Pozzette (2128 m.), a Bocca Navene (1430 m.) per finire, in territorio trentino, con l’Altissimo (2078 m.).
Nella parte orientale, il massiccio presenta un altipiano ondulato, che comprende le valli di Spiazzi e Ferrara, e le laterali del Monte Altissimo: quest’ultimo si mantiene ad un'altezza media di 1000 m. e si affaccia sulla Val Lagarina con imponenti strapiombi.

Monte BaldoIl versante occidentale, invece, scende abbastanza ripido verso il Garda, interrotto solo dagli stretti pianori di Prada, San Zeno e Albisano. Sotto il profilo geologico, il Monte Baldo è ancora una montagna in evoluzione, come è dimostrato dai frequenti terremoti. Esso è costituito da rocce in prevalenza calcaree e dolomitiche.
Tutto il Baldo presenta fenomeni di carsismo e di erosione delle acque, rappresentato soprattutto dai campi carreggiati dei circhi glaciali, da doline, grotte, conche e terrazze carsiche. Tutti questi processi erosivi sono dovuti all'escavazione dell'acqua sul calcare, che si erode facilmente. A causa del carattere prevalentemente carsico della montagna, le sorgenti sono rare.

Monte Baldo. Assieme alla catena del monte Baldo un’altra montagna che caratterizza il Garda è il Monte Pizzocolo, in passato chiamato anche monte Gu, probabilmente come accorciativo dell’aggettivo francese aigu che significa acuto.
Il nome "pizzocolo" invece deriva probabilmente da "pizzo" e "zoccolo" forse per la sua forma a zoccolo, oppure da "pinzocol" che in Val di Ledro e Alto Garda indica "roccia sporgente".
Il panorama che è possibile ammirare dal Monte Pizzocolo nonostante la sua modesta altitudine, è spettacolare: il gruppo dell'Adamello, il Monte Rosa, gli Appennini, il basso e medio lago di Garda, la catena del Monte Baldo...

counter