slider
slider
 Home  /  Cosa fare  /  Enogastronomia  /  Lo zafferano

Lo zafferano

Lago di Garda: l’oro dentro al piatto

Il microclima dell'entroterra del Garda è particolarmente indicato per la coltivazione dell'“oro giallo” della cucina, lo zafferano, spezia dalle antiche origini e dalle preziose virtù.

La storia dello zafferano è lunga e ricca di fascino, se ne testimonia la presenza già in papiri egizi del II° secolo a.C., è citato nella Bibbia, nell'Iliade e nelle Metarfosi di Ovidio. La sua coltivazione si diffuse dall'Asia ai continenti vicini, per giungere poi in Italia nel XIV° secolo grazie ad un monaco domenicano spagnolo.
La preziosa spezia che si ricava dai fiori del Crocus Sativus, questo il nome scientifico della pianta, è caratterizzata da un colore inconfondibile e da un sapore deciso ed aromatico che dona sfumature uniche al palato all’interno delle preparazioni che ne prevedono l’uso.
I principi attivi che gli donano il colore dell’oro sono la crocetina, la crocina e la picrocrocina, sostanze che fanno parte della famiglia dei carotenoidi, gli antiossidanti naturali per eccellenza, presenti all’interno della spezia in una concentrazione così elevata da attribuirgli il titolo di “Re degli antiossidanti”. Gli sono riconosciute inoltre, proprietà disintossicanti, digestive e dietetiche, grazie alla presenza di vitamina B2, responsabile del metabolismo di grassi, proteine e carboidrati.
zafferanoLa coltivazione priva di fertilizzanti, pesticidi e sostanza chimiche e la lavorazione completamente artigianale, arricchiscono ulteriormente la preziosità di questa spezia: i bulbi vengono messi a dimora nel terreno durante il mese di agosto, e una volta terminato il loro ciclo vegetativo, si raccolgono a mano i fiori nei mesi di ottobre e novembre alle prime ore del giorno, per evitare che il sole faccia schiudere le corolle.
Manualmente vengono separati i tre stimmi interni al fiore, che vengono successivamente essiccati su braci di legni pregiati e confezionati.

Anche il territorio gardesano può vantare questa raffinatissima produzione, troviamo attività che hanno sperimentato la coltivazione sia nell’area collinare ai piedi del Baldo, che sulle sponde orientali del lago, a Prevalle e Gargnano, ma è in particolare nel basso lago dove possiamo trovare l’esempio più significativo e longevo di coltivazione dello zafferano.
A Pozzolengo, l'Azienda Agricola Al Muràs, realtà a conduzione familiare, ha intrapreso dal 2001 l’insolita coltivazione in una zona dove si combinano perfettamente il clima mite del lago e le qualità organiche del terreno.
La famiglia Grazioli produce annualmente circa tre chili della preziosa spezia, che vende in purezza a privati e ai ristoranti della zona, oppure all’interno di squisite confetture, mieli e prodotti da forno.

Vedi dove si trovano tutti i produttori e i negozi per acquistare lo zafferano gardesano

counter